Regole - in Lavorazione


Documento sulle regole - disassemblemento

 

Per aderire al progetto per una LISTA CIVICA NAZIONALE è necessario fornire tutti i propri dati (nome cognome, data di nascita, gruppo di appartenenza, indirizzo, recapito telefonico, mail), sottoscrivere la quota di adesione e impegnarsi a rispettare la seguente dichiarazione:

 

 


 

Mi impegno a rispettare la dichiarazione d’intenti del progetto. Qualora questa fosse parzialmente in contrasto con i miei principi, mi impegnerò a proporre democraticamente delle modifiche e integrazioni. Nel caso in cui essa fosse del tutto incompatibile con i miei principi abbandonerò il progetto.

 

 


 

Gli aderenti si impegnano ad adottare gli strumenti della democrazia diretta e partecipativa. Insieme definiranno la dichiarazione d’intenti programma politico, nome e simbolo della lista, regolamento, candidati.

 

 


 

Tutti gli aderenti fanno parte dell’assemblea che vota democraticamente un “gruppo di facilitazione nazionale” che svolge i compiti di segreteria organizzativa a servizio del progetto su base circoscrizionale nell’ambito di incontri delle reti regionali ed esprime 2 rappresentanti per circoscrizione elettorale nella nel “gruppo di facilitazione”. Potrà fare parte della del “gruppo di facilitazione“ anche un rappresentante di ciascun gruppo politico nazionale che partecipa al progetto.

 

 


 

 

Il “gruppo di facilitazione “ha funzione organizzativa e di sintesi politica, i membri possono essere revocati in ogni momento se richiesto dalle assemblee che li hanno eletti.

 

 


 

“Il gruppo“ dovrà istituire le commissioni di lavoro tematiche (commissione per le campagne politiche, rapporti con altri movimenti, elaborazione regolamento, piano organizzativo elettorale, altro) e, indicare responsabili per la comunicazione “gruppo comunicazione interna ed esterna (ufficio stampa, sito, pagina face book, twitter), uno o più portavoce, uno o più tesorieri.

 

 


 

Tutte queste figure saranno sempre obbligate a tenere conto delle indicazioni dell’assemblea e non potranno prendere iniziative personali che non siano state precedentemente concordate.

 

 


 

Queste regole sono transitorie e sempre modificabili con votazione democratica.


 

 

manca:

come gestire l’ambivalenza asseblea/e locali – virtuali.

Entrambe devono poter fare proposte – poter discutere -proporre modifiche alla proposta e votare.

come si decide? Come si vota?

proposta:

Ogni singolo/gruppo può proporre la discussione di un argomento che però fino a che non incontrerà che sò il 10% di interesse degli aderenti (quorum d’ingresso) rimarrà li e non verrà messa in discussione all’attenzione della lista.

Quando supererà questo quorum comincerà il processo di discussione – modifica – votazione di tutte le assemblee interessate, virtuali, reali.

Come farlo con gli strumenti che abbiamo?