| 
  • If you are citizen of an European Union member nation, you may not use this service unless you are at least 16 years old.

  • Stop wasting time looking for files and revisions. Connect your Gmail, DriveDropbox, and Slack accounts and in less than 2 minutes, Dokkio will automatically organize all your file attachments. Learn more and claim your free account.

View
 

Schema_programma

Page history last edited by Sergio Mazzanti 8 years, 5 months ago

Questa è la proposta di suddivisione del programma in aree tematiche; l’ordine non è  indicativo di importanza dei temi; è un tentaivo di suddividere tutte le materie nelle quali vorremmo intervenire.

Successivamente divideremo il lavoro per gruppi aprendo un forum e documenti, per riempirlo collettivamente di contenuti.

Modificate, proponete, commentate!

Schema per il programma
 

A) ECONOMIA – LAVORO – GIOVANI

B) DIRITTI – BENI COMUNI – AMMINISTRAZIONE PUBBLICA

C) RIFORMA DELLA POLITICA E DEMOCRAZIA DIRETTA – RIFORMA ELETTORALE – RIFORME COSTITUZIONALI

D) GESTIONE DELL’ENERGIA – RICICLO TOTALE – RIFIUTI ZERO

E) URBANISTICA – TRASPORTI – GESTIONE DEL TERRITORIO – TURISMO – INFRASTRUTTURE

F) ISTRUZIONE – PRIMA INFANZIA – FORMAZIONE – RICERCA – CULTURA

G) RIFORMA DEL SISTEMA FISCALE – RIFORMA DELLA FINANZA – DEBITO PUBBLICO

H) BENESSERE INDIVIDUALE, SOCIALE – SICUREZZA

I) PACE – POLITICA ESTERA – SPESE MILITARI

L) GIUSTIZIA E LEGALITA’

M) INFORMAZIONE – COMUNICAZIONI

Idee per il programma
(le frasi sotto i titoli sono riprese dalla Carta degli intenti)

A) ECONOMIA – LAVORO – GIOVANI
riconversione ecologica dell’economia
la redistribuzione della ricchezza, la garanzia di un reddito minimo per tutti e un tetto massimo al reddito

privilegiando i settori della sostenibilità
rifiutiamo l’economia del profitto ad ogni costo
creare posti di lavoro
privilegiando i settori della sostenibilità, della salute, dei trasporti collettivi, dell’arte, della cultura
rifiutiamo lo strapotere dell’economia, gli irresponsabili giochi speculativi della finanza
dare spazio alle nuove esperienze di economia solidale
dare lavoro alle piccole imprese e promuovere le filiere corte
ridurre l’orario di lavoro
superare l’opprimente visione di chi ci chiede di vivere per l’economia

B) DIRITTI – BENI COMUNI – AMMINISTRAZIONE PUBBLICA
difendere i beni comuni e il patrimonio pubblico
pubblico deve essere sinonimo di efficienza
vogliamo riaffermare i diritti umani per tutti
solo dove c’è giustizia, legalità e pari dignità ci può essere pace sociale
nessuno è illegale restiamo tutti umani
legalità, regole e diritti uguali per tutti

 

C) RIFORMA DELLA POLITICA E DEMOCRAZIA DIRETTA – RIFORMA ELETTORALE – RIFORME COSTITUZIONALI

no ai vitalizi e agli sprechi della politica
politica senza privilegi e immunità
l’accumulo delle cariche
mandati limitati
ridurre gli emolumenti dei politici
cambiare il sistema elettorale
riformare quello dei partiti a partire dai finanziamenti pubblici
democrazia diretta e partecipativa
i cittadini possano esercitare effettivamente la sovranità popolare
semplificazione e partecipazione democratica

 

D) GESTIONE DELL’ENERGIA – RICICLO TOTALE – RIFIUTI ZERO

fare impresa tenendo conto dei limiti e delle leggi della natura

difendiamo il territorio, l’ambiente, i beni della nostra terra

vogliamo l’economia sostenibile, un’agricoltura e dei cibi sani, l’acqua pubblica, uno sviluppo e un uso delle energie rinnovabili.

 

E) URBANISTICA – TRASPORTI – GESTIONE DEL TERRITORIO – TURISMO – INFRASTRUTTURE

difendiamo il territorio, l’ambiente, i beni della nostra terra

privilegiando i settori dei trasporti collettivi

F) ISTRUZIONE – PRIMA INFANZIA – FORMAZIONE – RICERCA – CULTURA
vogliamo una scuola di qualità per tutti e che premi il merito

privilegiando i settori dell’arte, della cultura

G) RIFORMA DEL SISTEMA FISCALE – RIFORMA DELLA FINANZA – DEBITO PUBBLICO

riforma del sistema fiscale per ottenere equità e progressività

far pagare il debito pubblico a chi ne è veramente responsabile

uscire da un sistema in cui la politica è succube dell’economia e del profitto per entrare in un mondo in cui la politica risponda alla domanda: quali sono le esigenze della popolazione per vivere serenamente?

H) BENESSERE INDIVIDUALE E SOCIALE – SICUREZZA
vogliamo una sanità pubblica di qualità per tutti e che premi il merito
vogliamo che sia garantito il diritto alla casa

I) PACE – POLITICA ESTERA – SPESE MILITARI

ripudiamo ogni tipo di guerra e le folli spese militari

L) GIUSTIZIA E LEGALITA’

abolire qualsiasi immunità

sconfiggere l’economia criminale e l’evasione fiscale

M) INFORMAZIONE – COMUNICAZIONI

Comments (4)

Sergio Mazzanti said

at 2:29 am on Jan 12, 2012

Giuseppe Brizzi (in ML):
Il programma politico dovrebbe essere una specie di armadio con tanti cassetti . Ogni cassetto conterrà un argomento del programma e nel cassetto dovranno confluire le proposte di tutti i gruppi (noi possiamo cominciare con la nostra lista nazionale e gli altri saranno invitati a fare la stessa cosa) una volta viste le proposte dai facilitatori di tutti i gruppi in modo da renderle snelle e precise; le proposte saranno messe ai voti. Esiste un modo facile di classificare i risultati (soluzione a bolla).
Rimarranno quindi le soluzioni vincenti che saranno rivotate per escludere eventualmente quelle che non piacciono alla maggioranza.

Alessandro Lunetta said

at 4:54 pm on Feb 11, 2012

AMMINISTRAZIONE PUBBLICA:
- Trasparenza della gestione a livello locale e nazionale dell'amministrazione pubblica, riguardo gestione delle risose interne e di quelle esternalizzate, bandi di gara pubblici e/o privati, ed ogni altra azione di amministrazione pubblica

Alessandro Lunetta said

at 4:58 pm on Feb 11, 2012

i cittadini possano esercitare effettivamente la sovranità popolare:
(spiegare meglio il concetto del meccanismo della "revoca del mandato")

Riguardo L' ECONOMIA, vorrei che ci fossero idee moolto forti, tipo:
ridurre il raggio di azione della banche private, nazionalizzare la banca d'Italia, favorire la nascita di monete locali alternative, andare verso la creazione di un "reddito da cittadinanza", uscire dall'Euro.

azionecivica@... said

at 5:07 pm on Feb 11, 2012

You don't have permission to comment on this page.